al vostro servizio

samoter 2017

Mercedes-Benz Sprinter completa la gamma con due nuovi motori

La gamma Mercedes-Benz di motori Euro 6 modello Sprinter con potenza inferiore due varianti: 114 CV. e 143 CV.

Entrambi i motori sono stati sviluppati dalla OM 651 a quattro - cilindri 2,15 - dislocamento litro. Uno di loro dà 114 CV., Con una coppia massima di 300 Nm (20% miglioramento rispetto al suo predecessore), mentre il secondo motore ha una potenza di 143 CV con 330 Nm di coppia.sprinter

Hanno aggiunto a quelli già sul mercato per tre anni (OM 651 da 163 CV. E 360 Nm di coppia, e gli OM 642 V6 CDI da 190 CV., E 440 Nm di coppia) questi due modelli completano la gamma Sprinter. In aggiunta è possibile montare un motore a benzina da 156 CV. e una variante atta a gas a parità di potenza. Per rispettare la normativa Euro 6, tutti i diesel meccanica impiegano una combinazione di ricircolo gas di scarico (EGR) con AsBlue (SCR), insieme a un filtro antiparticolato.
Per questa gamma di modelli, Mercedes-Benz MMA è aumentata da 5 a 5,5 tonnellate, aggiungendo 50 chili in componenti, in modo che il guadagno in payload è di 450 kg.

 

StampaEmail

Iveco Daily presenta l'Euro 6!

Il produttore italiano inizia a giugno la commercializzazione dei nuovi Iveco Daily Euro 6. Per soddisfare questo standard di emissioni inquinanti può scegliere tra due motori, il 2.3 - F1A litri e il 3.0 - F1C litri, offrendo un arco competenze tra l'vanno 120 e 210 CV. Ma questa non è l'unica novità.daily euro 6 usato

Motore 2.3 F1A essere disponibile inizialmente in una variante che utilizza un ricircolo doppia gas (EGR), con due circuiti di ricircolo: una alta pressione prima il turbo e una parte a bassa pressione i gas di scarico sono presi dopo il passaggio attraverso il sistema di filtraggio e l'ossidazione delle particelle. Nel 2017 questa soluzione tecnica è stata aggiunta una seconda variante che invece di utilizzare due EGR, si usa solo la EGR ad alta pressione più l'uso del sistema SCR opzione (con AdBlue) che richiede di essere invitato soddisfatta nei questi motori nel 2020, tre anni prima. Con questo secondo sistema, secondo il produttore, la riduzione è ottenuta in consumo di carburante di circa il 2%. Questo blocco, in entrambe le versioni, si ottengono tre livelli di potenza: 120, 140 e 160 CV, con valori di coppia da 320 a 380 Nm.
Viene utilizzato  motore3.0  F1C, con tre livelli di potenza: 150, 180 e 210 CV con una coppia che raggiunge 470 CV. La soluzione adottata per soddisfare la norma Euro 6 è la combinazione di EGR ad alta pressione più SCR. Con questo come un blocco di base ha preparato una versione per il gas naturale compresso (CNG) 140 CV.

In entrambi diesel meccanica hanno migliorato valori di consumo, tra l'8 e il 3%, come cavalli performance in relazione alla meccanica Euro 5. Inoltre, in combinazione con un lubrificante che Petronas ha "su misura" per il Daily (Urania Daily Tek 0W-30), intervalli di manutenzione può essere esteso a 50.000 km o ogni due anni. In generale, una riduzione dei costi di manutenzione annunciato del 12% ed una riduzione di 2.000 euro di costi per l'utilizzo in quattro anni.daily nuovo

Accoppiato a questi motori possono funzionare sia un manuale di sei - marce, come l'innovativo cambio automatico a Hi-Matic con convertitore di coppia di otto - velocità (non offerti come un opzione con il motore da 150 CV e il gas, e invece monta di serie con il 210 CV). Iveco è molto soddisfatto del risultato ottenuto con questo automatica: nel 2015 ha venduto 10.000 Dailys Hi-Matic in tutta Europa, con una domanda più marcata nei paesi del nord. Nel 2016, il marchio italiano spera di raddoppiare questa cifra. Per migliorare ulteriormente questa soluzione, le nuove versioni possono essere ordinate con PTO.

Le nuove meccaniche non sono l'unica novità nel gamma Daily, con le versioni tra 3,3 e 7,2 tonnellate di MMA, e un nuovo passo di 5.100 mm nella cabina di telaio, che permette il corpo monta fino 6,2 metri di lunghezza. È stato anche ritoccato design esterno, con una nuova griglia, e rinnovato il cruscotto, disponibile in nero o con una combinazione di blu e nero. La cabina è più spaziosa ed è stato ridotto di 4 decibel di rumore interno (-8%).
Inoltre, Iveco ha scelto di fare un grande salto nel campo della connettività professionale, lo sviluppo di app riventiori quotidianamente, applicazione disponibile su Android e iOS e può essere installato su un utente 's dispositivo stesso.
 

StampaEmail

Novità Telepass pagamenti pedaggi in tutta Europa

Buona notizia per tutti coloro che hanno il Telepass per pagare il pedaggio in autostrada. Si tratta di una novità molto utile, che farà felici gli automobilisti. Dallo scorso 23 marzo tutti i cittadini italiani possessori di Telepass con apparato di bordo interoperabile lo potranno usare anche nelle autostrade degli altri Paesi europei. La stessa cosa sarà possibile per gli altri cittadini europei in Italia.caselli autostradali

Una bella comodità, senza dubbio, che agevola il pagamento del pedaggio sulle autostrade. La Società Telepass è stata iscritta nell’ambito del registro elettronico dei fornitori del Servizio europeo di telepedaggio, dopo aver superato tutte le verifiche previste dalla disciplina europea. ha fatto sapere in una nota il Ministero dei Trasporti. Si tratta del primo fornitore nazionale registrato nel nostro Paese e del terzo in Europa.

Con l’iscrizione al registro, Telepass potrà sviluppare il proprio servizio di pedaggiamento interoperabile a livello paneuropeo. I primi Paesi dove il servizio è entrato in vigore sono Italia, Francia, Spagna, Portogallo e Belgio; seguiranno Austria, Danimarca, Germania e Polonia.

Il Ministero dei Trasporti ha spiegato che il Servizio europeo di telepedaggio consentirà ai mezzi pesanti e ai veicoli, opportunamente equipaggiati, di percorrere le autostrade e le strade a pedaggio continentali usufruendo di un unico contratto e di una unica unità di bordo, che permetteranno loro, similarmente a quanto oggi avviene per la telefonia cellulare, di fruire del servizio ed effettuare i relativi pagamenti indipendentemente dal Paese europeo e dall’infrastruttura stradale percorsa.

Nell’apposita sezione del sito internet del Ministero è pubblicato il provvedimento che dispone l’iscrizione di Telepass nel registro. All’interno del registro dei fornitori del Servizio europeo di telepedaggio, consultabile on-line (www.mit.gov.it/documentazione/fornitori-del-set), sono indicati i dati identificativi dell’operatore, nonché i settori di copertura del servizio.

StampaEmail

Iveco partecipa alle European Challenge Caravans Camion

Iveco è uno dei cinque produttori di veicoli commerciali hanno aderito a questa sfida europea, che ha partecipato con due camion Iveco Stralis.

La sfida Caravans Camion europee (European Truck platooning Sfide) è un'iniziativa organizzata dal governo dei Paesi Bassi, che ha lo scopo di dimostrare i vantaggi di utilizzare questo tipo di trasporto convoglio in termini di risparmio di carburante e la sicurezza stradale.iveco

Si stima che questo sistema potrebbe ridurre le emissioni di CO2 del 10%.

Il convoglio o platooning è l'unione di due o tre camion che viaggiano a breve distanza e sono collegate da tecnologie di rete e di guida automatica. Il camion che porta gli atti plotone come leader, i veicoli dietro adattarsi alla vostra guida.

L'obiettivo di questa iniziativa è quello di accelerare l'introduzione di camper camion e la consapevolezza tra i membri dell'Unione Europea sui suoi vantaggi.

StampaEmail

U.K testerà camion senza conducente

Il governo britannico vuole testare il funzionamento dei camion senza conducente su una strada a nord dell'Inghilterra.

Secondo per il quotidiano "The Times Domenica, il governo sarà finanziare un pilota con un convoglio di diversi camion che si muovono insieme lungo l'autostrada M6 a Carlisle, nord-ovest dell'isola, come il poco traffico in quella zona vi permetterà di attuare la tecnologia minimizzare il livello di rischiocamion senza conducente test.

La prova è condotta con 10 alti - capacità automatizzato camion che seguono un primo veicolo con conducente, responsabile del controllo elettronicamente l'evoluzione dello stato di avanzamento del gruppo. Fatta eccezione per il primo veicolo, il resto sarebbe senza conducente, ma sarà controllato da una persona in cabina intervenire in caso di emergenza.

Il governo britannico ha già investito circa 19 milioni di sterline (24,5 milioni di euro) in altri programmi pilota nel Regno Unito per testare i veicoli senza conducente. Anche se è aspettare gli automobili.

Il presidente del motore AA Association, Edmund King, ha spiegato che tali prove "non fanno senso le strade britanniche", perché sono fortemente caricati con il traffico. "I vantaggi di questa tecnologia possono essere notato nelle strade deserte di Australia o Nevada, ma in questo paese abbiamo autostrade sovraffollate dove i conducenti sono costantemente cercando di entrare o uscire."

StampaEmail

Altri articoli...

I nostri Partner

      furgonifrigo.eu                    TrasportiAtp